Sabatia Regio. Vol. V

Da oggi è disponibile il volume dedicato a Sofia Branicka Odescalchi, una delle figure femminili più importanti nella storia di Bracciano. La contessa polacca che riuscì a risollevare l’economia e i servizi di prima necessità della popolazione del ducato.

Per informazioni e acquisto: elena.felluca@gmail.com

sabatia regio 2_copertina no isbn

Vino Castel Bracciano

Vino Castel Bracciano

Alla fine del XIX secolo, Baldassarre III Odescalchi, dopo aver ereditato il ducato di Bracciano dalla madre Sofia Branicka, avviò una serie di opere di valorizzazione e potenziamento delle risorse. In agricoltura, tra i vari provvedimenti, si concentrò sulla cura della vite e l’introduzione di nuovi vitigni: cabernet-franc, cabernet-souvignon, pinot noire, sangiovese, tramino. Ne risultò la produzione intensa di un vino di ottima qualità, tanto da ottenere alti riconoscimenti in varie esposizioni. La cantina era a Vigna Grande: oltre a grandi torchi, vi erano numerose botti e un impianto per l’imbottigliamento.