Attualità

Lago di Bracciano, ripresa dalla siccità

[…] Il lago di Bracciano è un lago calderico, caratterizzato cioè dalla presenza della cosiddetta caldera o depressione vulcano-tettonica. Diversamente da come spesso si pensa infatti, il lago di Bracciano non occupa il cratere di un grande vulcano: la sua origine è il risultato dell’azione di numerose faglie e del crollo della parte sommitale di una grande camera magmatica che alimentava i vari vulcani, avvenuto in seguito al suo svuotamento. Continua a leggere

La Giornata Mondiale dell’acqua, 2018.

Come non pensare al comprensorio sabatino ricco di questa preziosa risorsa di vita!
Sfruttate sin nei millenni passati, le sorgenti di acqua sono state punti di riferimento per gli insediamenti umani: in antichità, per vivere stabilmente, si sceglievano i luoghi ricchi di risorse idriche da sfruttare in vari modi e talvolta erano idealizzate con attività cultuali divine.
L’acqua era ed è ancora oggi fondamentale per il corpo umano, per sopravvivere è necessario bere acqua potabile e tollerabile dal nostro organismo; l’acqua, in particolare quella termale, è usata nel campo medico per curare determinate patologie sulla base delle sue componenti e proprietà; l’acqua è anche fondamentale per l’agricoltura e l’allevamento, che costituivano le attività economiche principali del passato; l’acqua era molto utilizzata come forza motrice, ad esempio, per mole, opifici, ferriere e industrie varie. Essa veniva convogliata per mezzo di acquedotti per decine di metri fino ad arrivare a km di distanza, creando “fiumi” sotterranei per potenziare il rifornimento idrico di luoghi lontani, come la città di Roma (acqua Traiana, acqua Paola, acqua Alsietina), o Bracciano stesso con l’acqua della Fiora, da Manziana (acquedotto Odescalchi).
Spesso essa era conservata in cisterne, soprattutto l’acqua piovana.
Anche le distese d’acqua dei laghi avevano una funzione importante sia per le risorse ittiche e vegetali, sia per essere vie di comunicazione, lo stesso emissario Arrone, un tempo navigabile, era percorso da imbarcazioni dal lago di Bracciano al mare e viceversa.
Attraverso opere di regimazione, l’essere umano è arrivato a controllare le acque, deviandole, ma per quanto si sia impegnato nel tempo, ideando una tecnologia idraulica sempre più raffinata, non può e non potrà mai comandare i fenomeni del Natura, causa di siccità o di piena dei bacini.
L’acqua è un Bene comune, rispettiamola, evitiamo sprechi e inquinamenti, controlliamo cosa penetra nel sottosuolo e cosa entra nei laghi…

DSC06465_mod

Autrice: Elena Felluca

ultima modifica: 22 marzo 2018

Riproduzione vietata senza il consenso dell’Autrice.
È permesso citare l’articolo come sitografia indicando il nome dell’autrice, il titolo dell’articolo, l’indirizzo internet e la data indicata nel testo che si riferisce alla lettura dell’utente.

I fossi del lago di Bracciano, tra storia e natura

Nei mesi scorsi si è assistito ad una lunga serie di proteste singole e di manifestazioni collettive in merito alla crisi idrica che investe il lago di Bracciano. In realtà la crisi idrica investe tutto il suolo nazionale (!).
Si incolpa Acea che pesca acqua dal lago per rifornire di acqua una parte di Roma e altri comuni, ma realmente nessuno fornisce dati certi e precisi in merito alla quantità effettiva tradotta in centimetri di abbassamento del livello. Per conoscere l’impatto ambientale, temo sia necessario osservare attentamente la natura e gli adattamenti delle singole specie animali e vegetali nel tempo.
Facendo un punto della situazione, emerge la necessità di calcolare le variabili di entrata: 1) precipitazioni atmosferiche; 2) portata delle sorgenti; 3) portata degli immissari (fossi nei quali scorre acqua sorgiva e provenienti dalle colline circostanti). Poi ci sono le variabili di uscita: 1) evaporazione dell’acqua dalla conca lacustre; 2) emissario Arrone; 3) prelievi Acea; 4) altri eventuali o ipotetici prelievi (ad esempio l’acqua prelevata dai canadair per spegnere incendi durante la scorsa estate; privati che pescano acqua dal lago per innaffiare, ecc…). Le variabili di entrata comportano un aumento del livello, ma esse sono notevolmente diminute nell’ultimo anno: la piovosità è risultata scarsa, così come la portata dei fossi. Le variabili di uscita comportano una diminuzione notevole del livello, sempre in considerazione della situazione climatica, in particolare, l’evaporazione della temperatura più elevata degli anni precedenti e protratta per un lasso di tempo più ampio (mesi primaverili piuttosto caldi), oppure i forti venti che, in un certo senso, “erodono” la superficie del lago (anche se il termine è improprio, rende l’idea). Acea preleva acqua, come già si faceva centinaia di anni fa con meno forza. Rimane da capire quanto è il rapporto tra le variabili di entrata e quelle di uscita. Il clima ha influito da sempre sulle fluttuazioni del livello del lago.
Sarebbe necessario monitorare anche ciò che entra nel lago dai fossi e chiamare in causa i responsabili per ciò che, eventualmente, impropriamente si mescola con le acque. Di certo andrebbe rivalutata la concessione ad Acea e adeguata all’attuale assetto culturale, sociale, normativo, economico (e non politico), ma chiedere anche un adeguamento della rete fognaria non sarebbe male.

Riguardo le fluttuazioni del livello del lago è utile sfogliare il resoconto a cura di Sigea.

Lo stato dei fossi a Bracciano è una questione del lago di cui non sembra esserci sufficiente attenzione da parte di alcuno. È una situazione che va avanti da anni, ma a soffrirne è la natura, in tutti i suoi aspetti, e la storia, per via delle vestigia dell’antichità, quali acquedotti antichi, dighe, sbarramenti, costruiti nei millenni e nei secoli passati.
L’ambiente mostra aspetti affascinanti: gole profonde intagliate nella roccia vulcanica in cui l’acqua, pura e limpida, affronta ampi salti formando cascate, o massi che donano ai corsi d’acqua un andamento serpenteggiante. Tra le sculture naturali della roccia, troviamo opere costruite sapientemente dagli antichi e integrate perfettamente nell’ambiente, a tal punto che, dopo millenni, sono ancora in piedi e funzionanti, salvo piccole modifiche avvenute nel tempo.
Percorrendo molti fossi, negli ultimi anni, mi sono resa conto della loro particolarità e bellezza, purtroppo non tutti sono percorribili a causa del cattivo stato delle acque.
La portata dei fossi dipende molto dalla piovosità, infatti, quest’anno molti sono asciutti, quasi tutti ricevono acqua da più punti, dall’inizio fino allo sbocco al lago. Non tutti, purtroppo, ricevono solo acqua sorgiva o di origine pluviale, alcuni, a quanto pare, soprattutto quelli fincheggiati dalla rete fognaria, sono soggetti a scarichi di liquami maleodoranti che, direttamente o indirettamente, giungono al lago, mescolandosi con le acque e impregnando la terra. Al di là delle cause e degli accordi degli anni passati, ad oggi, con tutte le norme a tutela dell’ambiente, è inconcepibile proseguire con tali scempi, compresa la mancanza di controlli frequenti degli enti e delle istituzioni preposte.
Il cattivo odore nei pressi di alcuni fossi interessati dalla presenza dell’acquedotto voluto da Traiano e ripristinato da Paolo V, rende sgradevole qualsiasi tentativo di visita ai tratti a vista.

Ma cosa è peggio per l’ambiente, il liquame maleodorante che scola nei fossi o il livello del lago che naturalmente e lentamente diminuisce?

Fossi interessati dallo scolo di liquami maleodoranti, alcuni esempi:

23621643_10209695548360686_6750187384578730065_n23622146_10209695550680744_4914672062611909571_n
23843525_10209722660918483_365897810351087287_n

DSC06063_modDSC06465_modDSC03491_mod

 

 

 

 

 

 

 Fossi con acque pure, alcuni esempi:

DSC03481_mod

DSC05308_mod

DSC01874_mod

DSC01938_mod

DSC04430_mod

DSC04437_mod DSC05311_mod

DSC05319_mod

DSC07397_mod

DSC06878_mod

DSC04310_mod

DSC04997_mod

DSC04053_mod

Autrice: Elena Felluca

ultima modifica: 27 novembre 2017

Riproduzione vietata senza il consenso dell’Autrice.
È permesso citare l’articolo come sitografia indicando il nome dell’autrice, il titolo dell’articolo, l’indirizzo internet e la data indicata nel testo che si riferisce alla lettura dell’utente.

Riferimenti e bibliografia

- RIFERIMENTI

Bracciano. Esplorati cunicoli di epoca etrusca
Scoperto ed esplorato un tratto dell’Acquedotto Paolo
Bracciano (Roma): scoperto ed esplorato lo sconosciuto tratto iniziale dell’acquedotto Traiano.

Bracciano (RM). Vicarello: Aqua Traiana e Aqua Paula

Bracciano (RM). Antiche opere di drenaggio e di raccolta delle acque
Bracciano (RM). Antiche opere di regimazione dei corsi d’acqua
Bracciano (RM). Esplorate cavità artificiali lungo il Fosso dell’Aspro

Bracciano (RM), Vicarello, i bagni termali di epoca romana

Bracciano (RM), Carestia: una delle sorgenti dell’Aqua Traiana

Bracciano (RM), “aqua Traiana” e “aqua Paula”: bolli laterizi

Lago di Martignano (RM), il Nuovo acquedotto Alsietino

Museo Nazionale Preistorico Etnografico “Luigi Pigorini”
Video dello scavo subacqueo del più antico villaggio di sponda neolitico, attualmente conosciuto. Loc. La Marmotta, lago di Bracciano, Anguillara Sabazia, Roma
Anguillara Sabazia (RM). Scavi subacquei nel lago di Bracciano in loc. “La Marmotta”
Il villaggio nascosto nel lago. Una giornata di 8000 anni fa. Cartone animato sullo scavo archeologico subacqueo de “La Marmotta” (Anguillara Sabazia, Roma)

Bracciano e le acque che scompaiono, in I like My Lake, estate 2016

Rivoli d’acqua, in I like My lake, autunno 2016

- ARCHIVI STORICI

AO – Archivio Orsini.
APB - Archivio Parrocchiale di Bracciano.
ASC – Archivio Storico Capitolino.
ASCB – Archivio Storico Comunale di Bracciano.
ASCGU – Archivio Storico del Collegio Germanico Ungarico.
ASO – Archivio di Stato di Roma.
ASPRC – Archivio Storico della Provincia Romana dei Cappuccini.

- BIBLIOGRAFIA

Aa. Vv. 1981. Bracciano e gli Orsini. Tramonto di un progetto feudale. Il ’400 a Roma e nel Lazio, IV. Catalogo della mostra tenutasi al Castello Orsini-Odescalchi di Bracciano (27 giugno-27 agosto 1981). Roma, De Luca Editore.

Aa. Vv. 2004. Trevignano Romano. L’affresco absidale di Santa Maria Assunta. Trevignano Romano.

ACIDINI LUCHINAT, C. 1998. Taddeo e Federico Zuccari: fratelli pittori del Cinquecento. Roma: Jandi Sapi.

ASHBY, T. 1991. Gli acquedotti dell’antica Roma, Roma, Edizioni Quasar.

BACCI, A. 1571. De Thermis, Venetiis, Apud Vincentium, Valgrisium.

BARBERINI, A.M. (a cura di). 2002. Belle e terribili. La collezione Odescalchi. Armi bianche e da fuoco. Roma, Palombi Editori.
BARBERINI, A.M. (a cura di). 2004. L’elmo lucente, dal XV al XIX secolo nella collezione Odescalchi. Roma, Gebart.

BARLOCCI, S. 1843. Ricerche fisico-chimiche sul Lago Sabatino, sulle sorgenti di acque minerali che scaturiscono ne’ suoi contorni e principalmente sulle acque termali di Vicarello Memoria di Saverio Bablocci. Terza Edizione, Roma, Tipografia dell’ospizio apostolico presso Pietro Aurelj.

BENOCCI, C. 1986. L’acquedotto Traiano-Paolo elemento vincolante e fattore generatore della Villa Doria Pamphil, in AA. VV. Il Trionfo dell’acqua: acque e acquedotti a Roma, IV sec. a.C.-XX sec.. Mostra organizzata in occasione del 16° Congresso ed esposizione internazionale degli acquedotti, 31 ottobre 1986-15 gennaio 1987, Museo della civiltà romana. Roma, Paleani: pp. 231-235.

BENCOCCI, C. 2007. Paolo Giordano II Orsini nei ritratti di Bernini, Boselli, Leone, Kornmann. Roma, De Luca editore.

BERTI, G. 2006. I cosiddetti Tarocchi di Mantegna, in R. Signorini (a cura di), A casa di Andrea Mantegna. Cinisello Balsamo, Silvana Editore: pp. 298-307.

BILDT, C.N.D., 1906. Cristina di Svezia e Paolo Giordano II, duca di Bracciano, in Archivio della Società Romana di Storia Patria XXIX: pp. 5-32.

BLAIR, C. (a cura di). 1979. Enciclopedia ragionata delle armi. Armi bianche – da fuoco d’occidente e d’oriente. Milano, Arnoldo Mondadori Editore.

BONDI, P. 1836. Memorie storiche sulla città Sabazia, ora Lago Sabatino, sulla origine di Trevignano, anteriore assai a quella di Bracciano e Anguillara, sulla vasta potenza della famiglia città di Sutri. Firenze, Tipografia Calasanziana. Ristampa a cura del Consorzio Lago di Bracciano, 2011.

BORSARI, L. – OJETTI, R. 1895. Il castello di Bracciano: guida storico-artistica. Roma, Edoardo Perino.

BRUUN, C. 2003.   Frontinus and his “nachleben”, in Brunn, C. – Saastamoinen, A. (eds.)Technology, Ideology, Water: from Frontinus to the Renaissance and beyond, Papers from a conference at the Institutum Romanum Finlandiae, Rome, Institutum Romanum Finlandiae, pp. 41-80.

BUCKLEY, V. 2006. Cristina Regina di Svezia. La vita tempestosa di un’europea eccentrica. Milano, Mondadori.

CANCELLIERI, C. 1986 L’acquedotto Paolo, in AA. VV. Il Trionfo dell’acqua: acque e acquedotti a Roma, IV sec. a.C.-XX sec. Mostra organizzata in occasione del 16° Congresso ed esposizione internazionale degli acquedotti, 31 ottobre 1986-15 gennaio 1987, Museo della civiltà romana. Roma, Paleani: pp. 225-231.

CANTONE, R. 1981. Il castello Orsini di Bracciano. Equilibrio di architettura castellana e civile, in Cavallaro A. et alii. (a cura di), Bracciano e gli Orsini. Tramonto di un progetto feudale. Il ’400 a Roma e nel Lazio, IV. Catalogo della mostra tenutasi al Castello Orsini-Odescalchi di Bracciano (27 giugno-27 agosto 1981). Roma, De Luca Editore: pp. 39-49.

CALISSE, C. 1888. I Prefetti di Vico. Kessinger Legacy Reprints.

CARUSO, I. 1994. La villa romana di S. Stefano (Anguillara Sabazia): studio per il recupero del monumento, in AA. VV. Antichità tardoromane e medievali nel territorio di Bracciano. Viterbo, BetaGamma editrice: pp. 205-225.

CARUSO, I. – PISU, C. 2002. Museo Civico e Area Archeologica. Comune di Trevignano Romano.

CASSIO, A. 1757. Corso dell’acque antiche portate da lontane contrade fuori e dentro Roma sopra 14. acquidotti e delle moderne, e in essa nascenti, coll’illustrazione di molte antichita’ che la stessa citta’ decoravano, da passati scrittori ed antiquari non conosciute, opera divisa in due parti. Roma, Stamperia Giannini.

CAVALLARO, A. 1992. Antoniazzo Romano e gli Antoniazzeschi. Udine, Campanotto Editore.

CAVALLARO, A. et alii. (a cura di) 1981. Bracciano e gli Orsini. Tramonto di un progetto feudale. Il ’400 a Roma e nel Lazio, IV. Catalogo della mostra tenutasi al Castello Orsini-Odescalchi di Bracciano (27 giugno-27 agosto 1981). Roma, De Luca Editore.

CAVALLARO, A. 1981. Gentil Virginio Orsini: vita culturale e committenze artistiche, in Cavallaro A. et alii. (a cura di), Bracciano e gli Orsini. Tramonto di un progetto feudale. Il ’400 a Roma e nel Lazio, IV. Catalogo della mostra tenutasi al Castello Orsini-Odescalchi di Bracciano (27 giugno-27 agosto 1981). Roma, De Luca Editore: pp. 36-38.
CAVALLARO, A. 1981. Il dipinto con scene della vita di Gentil Virginio Orsini, in Cavallaro A. et alii. (a cura di), Bracciano e gli Orsini. Tramonto di un progetto feudale. Il ’400 a Roma e nel Lazio, IV. Catalogo della mostra tenutasi al Castello Orsini-Odescalchi di Bracciano (27 giugno-27 agosto 1981). Roma, De Luca Editore: pp. 57-68.
CAVALLARO, A. 1981. Il fregio dei “Putti”, in Cavallaro A. et alii. (a cura di), Bracciano e gli Orsini. Tramonto di un progetto feudale. Il ’400 a Roma e nel Lazio, IV. Catalogo della mostra tenutasi al Castello Orsini-Odescalchi di Bracciano (27 giugno-27 agosto 1981). Roma, De Luca Editore: pp. 69-70.

CECCHINI, C. – PISU, C. 2004. Due tombe a camera indedite da ‘Poggio delle Ginestre’ – Trevignano Romano (RM): informazioni archeologiche e dati topografici, in Opuscola Romana 29: pp. 29-46.

CELLETTI, V. 1963. Gli Orsini di Bracciano: glorie, tragedie e fastosità della casa patrizia più interessante della Roma dei secoli XV, XVI, e XVII. Roma, Fratelli Palombi Editori.

COLINI, A.M. 1967-1968. La stipe delle acque salutari di Vicarello. Notizie sul complesso della scoperta, in Rendiconti della Pontificia Accademia Romana di Archeologia XL, pp. 35-56.
COLINI, A.M. Vicarello. La sorgente termale nel tempo. Roma, L’Erma di Bretschneider.

CONTI, C. 1981. Ragguaglio tencico sui dipinti presi in esame nel castello di Bracciano, in Cavallaro A. et alii. (a cura di), Bracciano e gli Orsini. Tramonto di un progetto feudale. Il ’400 a Roma e nel Lazio, IV. Catalogo della mostra tenutasi al Castello Orsini-Odescalchi di Bracciano (27 giugno-27 agosto 1981). Roma, De Luca Editore: pp. 53-56.

CRIFÒ, S. 2004. Raffaello Ojetti architetto nei primi cinquant’anni di Roma capitale. Firenze, Polistampa.

CURATOLO, G. – MANDERSCHEID, H. – TOMASSETTI, M.C. 2010. Un santuario della sorgente nei pressi del Lago di Bracciano? Una captazione idrica monumentalizzata, in Archeologia sotterranea 2: pp. 14-21.

DAMIANI, I. – PETITTI, P. – TRUCCO, F. 2008. L’insediamento sommerso di Sposetta, in P. Petitti, F. Rossi (a cura di), AES. Metalli preistorici della Tuscia. Catalogo della Mostra, Valentano, Rocca Farnese, 12 settembre – 31 ottobre 2008, pp. 28-31. Grotte di Castro (VT) Tipolitografia Gigli s.n.c.

DAMIANI, I. – PETITTI, P. – TRUCCO, F. 2010. Aspetti cronologici e primo inquadramento del villaggio sommerso di Sposetta nel lago di Bracciano, in N. Negroni Catacchio (a cura di), Preistoria e protostoria in Etruria. L’alba dell’Etruria. Fenomeni di continuità e trasformazione nei secoli XII-VIII a.C. Ricerche e scavi. Atti del nono incontro di studi. Valentano (VT) – Pitigliano (GR), 12-14 settembre 2008, pp. 685-696. Milano, Centro studi di Preistoria e Archeologia.

DE LUCA, A. 1984. Anguillara Sabazia: dalla “Cancelleria Comunitatitva” al Palazzo Orsini. In Lefevre, R. (a cura di), Palazzi municpali del Lazio. Roma, f.lli Palombi Editori: pp. 123-144.

DE MARIA, L. 1994. Alle origini del Cristianesimo nel territorio Braccianese: considerazioni storico-topografiche sugli edifici di S. Liberato a Bracciano e di S. Stefano ad Anguillara Sabazia, in AA. VV. Antichità tardoromane e medievali nel territorio di Bracciano. Viterbo, BetaGamma editrice: pp. 39-63.

DEL MONACO, V. (a cura di). 2011. Vedute del territorio del lago di Bracciano. Consorzio di Navigazione Lago di Bracciano.

DI CARPEGNA, N. 1968. Armi da fuoco della collezione Odescalchi. Roma, Edizioni Marte.
DI CARPEGNA, N. 1969. Antiche armi dal sec. IX al XVIII già Collezione Odescalchi. Roma, De Luca Editore.
DI CARPEGNA, N. 1976. Le armi Odescalchi. Roma, De Luca.

ESCHINARDI, F. 1750. Descrizione di Roma e dell’agro romano: fatta gia’ ad uso della carta topografica del Cingolani. Roma, Salomoni.

FABBRINI, L. 1983. L’Apollo di Vicarello e l’inserimento del suo prototipo nell’ambito della scultura attica del IV secolo a.C., in Mitteilungen des Deutschen Archäologischen Instituts (Römische) XC, 1: pp. 1-33.

FALKENSTEIN-WIRTH VON V. 1998. Le Aquae Apollinares di Vicarello: due nuovi pavimenti in opus sectile, in Rendiconti della Pontificia Accademia Romana di Archeologia LXX: pp. 281-297.

FEA, C. 1832. Storia. I. Delle acque antiche sorgenti in Roma, perdute, e modo di ristabilirle. II. Dei condotti antico-moderni delle acque, Vergine, Felice, e Paola, e loro autori. Roma, Stamperia della R.C.A.

FEI, F. 1994. Le testimonianze scultoree di epoca alto medioevale delle chiese di S. Liberato di Bracciano e di S. Stefano di Anguillara Sabazia, in AA. VV. Antichità tardoromane e medievali nel territorio di Bracciano. Viterbo, BetaGamma editrice: pp. 125-161.

FELLUCA, E., 2015, Acquedotto Traiano-Paolo, ricerche intorno al lago di Bracciano (Italia Centrale). Opera Ipogea, 2-2015, pp. 11-20.

FELLUCA, E., 2016, Sabatia Regio. Studi, esplorazione e ricerche nel territorio del Lago di Bracciano. Vol I: Aqua Traiana e Aqua Paula: un acquedotto lungo 2000 anni. Primo resoconto. Antiche opere di drenaggio e di raccolta delle acque nella Macchia del Comune di Bracciano. Bracciano.

FELLUCA, E., 2016, Sabatia Regio. Studi, esplorazione e ricerche nel territorio del Lago di Bracciano. Vol II: Aqua Traiana e Aqua Paula: un acquedotto lungo 2000 anni. Secondo resoconto. Bracciano, Macchia della Fiora: antiche cisterne. Bracciano, Fonte dell’ospedale. Bracciano.

FELLUCA, E., 2016, Sabatia Regio. Studi, esplorazione e ricerche nel territorio del Lago di Bracciano. Vol III: Il castello di Bracciano: appunti. Bracciano.

FELLUCA, E., 2017, Sabatia Regio. Studi, esplorazione e ricerche nel territorio del Lago di Bracciano. Vol IV: Aqua Traiana e Aqua Paula: un acquedotto lungo 2000 anni. Terzo resoconto. Il castello diruto di Vicarello e sua tenuta. Bracciano.

FELLUCA, E. – RAMELLA, E. (a cura di). 2014. Il Castello di Bracciano. Guida Storico-Artistica. L. Borsari-R. Ojetti. Bracciano: Tuga Edizioni.

FERRI RICCHI, L., 2001a, Clima e storia, Racconti on line tratti dal libro di Lamberto Ferri Ricchi,   www.lambertoferriricchi.it/test2//wp-content/uploads/2015/01/pdf/CLIMA_STORIA.pdf
FERRI RICCHI, L., 2001b, La foresta di pietra, Racconti on line tratti dal libro di Lamberto Ferri Ricchi,  www.lambertoferriricchi.it/test2//wp-content/uploads/2015/01/pdf/MARTIGNANO.pdf
FERRI RICCHI, L., 2012, La foresta di pietra, Mondo sommerso, n. 4 aprile 2012, pp. 114-119.

FIORDISPINI, B. 1908. Manziana e i suoi dintorni. Monografia: Bracciano, Oriolo Romano, Canale Monterano. Roma: Tip. Bodoni di G. Bolognesi.

FIOCCHI NICOLAI, V. 1994. Monumenti paleocristiani del territorio di “Forum Clodii”, in AA. VV. Antichità tardoromane e medievali nel territorio di Bracciano. Viterbo, BetaGamma editrice: pp. 243-274.

FONTANA, C. 1696. Utilissimo trattato dell’acque correnti, Roma, Stamperia di Gio. Francesco Buagni.

FUGAZZOLA DELPINO, M. A. 1982.  La preistoria e la protostoria nell’Etruria meridionale. Note preliminari su alcune scoperte degli ultimi anni, in AA. VV. Archeologia della Tuscia, I Incontro di Studio. Viterbo: pp. 76-94.
FUGAZZOLA DELPINO, M. A. 1982. Rapporto preliminare sulle ricerche condotte dalla Soprintendenza Archeologica dell’Etruria Meridionale nei bacini lacustri dell’apparato vulcanico sabatino, in Bollettino d’Arte, Ministero peri Beni Culturali e Ambientali, suppl. 4: pp. 123-149.
FUGAZZOLA DELPINO, M. A. 1988. Le acque interne: appunti di archeologia preistorica, in AA.VV. Etruria meridionale. Conoscenza conservazione fruizione. Atti del Convegno, Viterbo 29/30 Novembre-1 Dicembre 1985. Roma: pp. 17-25.
FUGAZZOLA DELPINO, M.A. 1995. Un tuffo nel passato. 8000 anni fa nel lago di Bracciano. Viterbo: BetaGamma editrice.

FUGAZZOLA DELPINO, A.M. et alii (edd.). 2004. Civiltà dell’argilla. Le prime comunità del Neolitico. Dragoni (CE): Società Editrice Imago Media.

GARRUCCI, R. 1975. Della Via Clodia e coerenti e delle città e villaggi che furono sul corso di esse, in Quaderni della Forum Clodii 2.

GASPERINI, L. 1988.  Gli etruschi e le sorgenti termali, in AA.VV. Etruria meridionale. Conoscenza conservazione fruizione. Atti del Convegno, Viterbo 29/30 Novembre-1 Dicembre 1985. Roma, casa editrice Quasar: pp. 27-35.

GASPERINI, L. 1994. Ecclesia Foroclodiensis. Ricerche sui primordi cristiani nel Braccianese, in AA. VV. Antichità tardoromane e medievali nel territorio di Bracciano. Viterbo, BetaGamma editrice: pp. 275-295.

GASPERINI, L. 2006. Le terme-santuario di Stigliano e Vicarello nel Foroclodiense. Bracciano, Quaderni della “Forum Clodii”, 8.

GERMANI, C. – COLOMBO, V. 2015. Trajan Aqueduct: the Santa Fiora branch, in M. Parise, C. Galeazzi, R. Bixio, C. Germani, Hypogea 2015. Proceedings of International Congress of Speleology in Artificial Cavities Italy. Rome, March 11/17 – 2015: pp. 192-201. Urbino, AGE Arti Grafiche Editoriali S.r.l.

GERMANO, F.P. 2002. Il Castello Odescalchi. L’intervento sulle coperture del loggiato e la ripresa delle fasce affrescate sottostanti il cassettonato ligneo di Taddeo Zuccari, in C. Capitani – S. Rezzi (a cura di), Architettura e giubileo a Roma e nel Lazio. Napoli, Electa: pp. 69-74.

GNOLI, D. 1870. Vittoria Acorramboni. Storia del secolo XVI. Firenze, Successori Le Monnier.

GROSSI, P. – MAZZARINI, R. – TURCHETTI, C. Un lago e la sua gente. Profili storici di Bracciano, Anguillara, Canale Monterano, Manziana, Oriolo e Trevignano. Bracciano, Tipografia Vicografica.

GUERRAZZI, F.D. 1847. Isabella Orsini, Firenze, Felice Le Monnier.

GUIDI, A. 1976. Sui materiali archeologici rinvenuti nel lago di Bracciano, in Prospezioni 1: pp. 46-54.

LANCIANI, R. 1881. Le acque e gli acquedotti di Roma antica. Roma, Quasar. Ristampa 1975.

MARCHI, G. 1852. Le Acque Apollinari e la loro Stipe, in La Civiltà Cattolica: pp. 468-471.

MARCHI, G. 1852. La Stipe Tributaria alle divinità delle Acque Apollinari. Scoperta al cominciare del 1852. Roma, Tipogrfia delle Belle Arti.

MARIANI, E. (a cura di). 2003. L’Acquedotto Odescalchi di Bracciano. Atti e Memorie Storiche II. Centro Ricerche e Studi di Ronciglione. Ronciglione.

MARRAZZI, F. 1994. Proprietà fondiaria nel Braccianese durante il primo Meioevo (Secoli VII-IX), in AA. VV. Antichità tardoromane e medievali nel territorio di Bracciano. Viterbo, BetaGamma editrice: pp. 297-314.

MARTORELLI, R. 1994. Le strutture murarie di epoca altomedievale delle cjhiese di S. Stefano ad Anguillara Sabazia e di S. Liberato a Bracciano: analisi stratigrafica, in AA. VV. Antichità tardoromane e medievali nel territorio di Bracciano.  Viterbo, BetaGamma editrice: pp. 65-96.

MASI, F. 1857. Trattato d’idrologia sulle Terme Apollinari dette di Vicarello. Roma, Tipografia di Bernardo Romini.

MICHELINI TOCCI, L. 1968. Monete della stipe di Vicarello nel medagliere Vaticano, in Rendiconti della Pontificia Accademia Romana di Archeologia XL, pp. 75-81.

MICHELLI GIACCONE, C. 1994. La diffusione del giottismo nell’Alto Lazio: il Trittico bifronte di Gregorio e Donato d’Arezzo in S. Stefano a Bracciano, in AA. VV. Antichità tardoromane e medievali nel territorio di Bracciano. Viterbo, BetaGamma editrice: pp. 315-334.

MIGNOSI TANTILLO, A. 1981. Uomini famosi: committenze Orsini nel Lazio durante il ’400, in Cavallaro A. et alii. (a cura di), Bracciano e gli Orsini. Tramonto di un progetto feudale. Il ’400 a Roma e nel Lazio, IV. Catalogo della mostra tenutasi al Castello Orsini-Odescalchi di Bracciano (27 giugno-27 agosto 1981). Roma, De Luca Editore: pp. 13-27.

MONALDI, R. – SORTI, F. 2010. Imprimatur. Amsterdam, De Bezige Bij.

MONDINI, M. 2006. Sulle rotte dell’Imperial Airways. Storia breve dell’Idroscalo Civile di Bracciano, in Quaderni della Forum Clodii 9.

MONTANARI, T. 1997. La dispersione delle collezioni di Cristina di Svezia. Gli Azzolino, gli Ottoboni, gli Odescalchi, in Storia dell’Arte 90: pp. 250-300.

MORI, E. 2011. L’onore perduto di Isabella de’ Medici. I misteri italiani hanno radici antiche: la vera storia di due “amanti maledetti”. Milano, Collezione Storica Garzanti.

MURPHY, C.P. 2011. Isabella de’ Medici. La gloriosa vita e la fine tragica di una principessa del Rinascimento. Milano, Il Saggiatore.

NIBBY, A. 1837. Analisi storico-topografico-antiquaria della carta de’ Dintorni di Roma (3 voll.). Roma, Tipografia delle Belle Arti.

O’NEILL, E. 2014. L’Acquedotto di Traiano tra il ninfeo della Fiora e il Lago di Bracciano, in Atlante Tematico di Topografia Antica, 24: pp. 187-214.

ORTOLANI, G. 1994. Aspetti costruttivi in chiese medievali del territorio di Bracciano. Richiami e sopravvivenze dell’antico, in AA. VV. Antichità tardoromane e medievali nel territorio di Bracciano. Viterbo, BetaGamma editrice: pp. 100-124.

OSBAT, L. 1994. Il Comprensorio del Lago di Bracciano tra età medievale e moderna nelle indagini del “Centro Ricerche per la Storia dell’Alto Lazio”, in AA. VV. Antichità tardoromane e medievali nel territorio di Bracciano. Viterbo, BetaGamma editrice: pp. 335-343.

PAGLIARA, P.N. 1981. Il castello Orsini di Bracciano: rapporti con altre esperienze fortificatorie quattrocentesche, in Cavallaro, A. et alii. (a cura di), Bracciano e gli Orsini. Tramonto di un progetto feudale. Il ’400 a Roma e nel Lazio, IV. Catalogo della mostra tenutasi al Castello Orsini-Odescalchi di Bracciano (27 giugno-27 agosto 1981). Roma, De Luca Editore: pp. 50-52.

PANUNZI, B. 1981. Gentil Virginio Orsini: vita e imprese di un feudatario romano, in Cavallaro,  A. et alii. (a cura di), Bracciano e gli Orsini. Tramonto di un progetto feudale. Il ’400 a Roma e nel Lazio, IV. Catalogo della mostra tenutasi al Castello Orsini-Odescalchi di Bracciano (27 giugno-27 agosto 1981). Roma, De Luca Editore: pp. 28-35.

PANUNZI, B. 1984. Il “Palazzo fuori dalla Porta”, Municipio di Bracciano. In Lefevre, R. (a cura di), Palazzi municpali del Lazio. Roma, f.lli Palombi Editori: pp. 229-250.

PANVINI ROSATI, F. 1968. Monete della stipe di Vicarello nel Museo Nazionale Romano, in     Rendiconti della Pontificia Accademia Romana di Archeologia XL, pp. 57-74.

PETITTI, P. – TRUCCO, F. 2007. Sposetta, in C. Belardelli, M. Angle, F. Di Gennaro, F. Trucco (a cura di), Repertorio dei siti protostorici del Lazio. Province di Roma, Viterbo, Frosinone), p. 65. Firenze, All’Insegna del Giglio s.a.s.

PICCIONI, F. 1998. Lo Statuto di Bracciano del 1552 nel contesto socio-culturale della comunità locale. Chiesa S. Lucia – Convento Cappuccini, Bracciano.

PINTUS, G. 2004. L’acquedotto Traiano, in Cavità Artificiali 13: pp. 24-33.

PISU, C. 2004. Trevignano Romano: ipotesi di individuazione del sito di età preromana. Italia Antiqua. Roma.

QUILICI, L. 2011. Acqua Traiana. Alla fonte di un acquedotto celebre, in Archeologia Viva, anno XXX, n. 150, novembre/dicembre 2011, pp. 38-46.
RANIERI, C. – FELLUCA, E. 2015. The aqueduct Paul: new archaeological discoveries, in M. Parise, C. Galeazzi, R. Bixio, C. Germani,     Hypogea 2015. Proceedings of International Congress of Speleology in Artificial Cavities     Italy. Rome, March 11/17 – 2015. Urbino, AGE Arti Grafiche Editoriali S.r.l.: pp. 244-248.

SANTOCCHI, A. 2013. Bracciano ai tempi della visita apostolica del 1574. Manziana, Vecchiarelli Editore.
SANTOCCHI, A. (a cura di). 2014. Storia del Convento dei Cappuccini di Bracciano. F. Piccioni. Roma: Pioda Imaging Edizioni.

SHAKESPEARE, W. 2009. La dodicesima notte. Milano, Oscar Mondadori.

SILIGATO, R. 1981. Due cicli di affreschi nel castello di Bracciano: ciclo delle figure femminili, ciclo di Ercole, in Cavallaro, A. et alii. (a cura di), Bracciano e gli Orsini. Tramonto di un progetto feudale. Il ’400 a Roma e nel Lazio, IV. Catalogo della mostra tenutasi al Castello Orsini-Odescalchi di Bracciano (27 giugno-27 agosto 1981). Roma, De Luca Editore: pp. 71-115.

SILVESTRELLI, S. 1940. Città castelli e terre della regione romana. Roma, Bonsignori. Rist. anast. 1993.

STRAFFORELLO, G. 1894. La Patria. Torino, Unione Tipografico Editrice.

TANTILLO, A. (a cura di) 2000. Il Palazzo Baronale Orsini di Anguillara Sabazia. Roma, Adnkronos Comunicazione.

TOMASSETTI, G. 1907. La Campagna Romana. Roma, Loescher.

UGUCCIONI, A. 1981. Musica e danza nel ciclo delle figure femminili, in Cavallaro, A. et alii. (a cura di), Bracciano e gli Orsini. Tramonto di un progetto feudale. Il ’400 a Roma e nel Lazio, IV. Catalogo della mostra tenutasi al Castello Orsini-Odescalchi di Bracciano (27 giugno-27 agosto 1981). Roma, De Luca Editore: pp. 116-117.

VASARI, G. 1550. Vite de’ più eccellenti pittori, scultori e architettori italiani, da Cimabue insino a’ tempi nostri. Nell’edizione per i tipi di Lorenzo Torrentino, Firenze 1550. Torino: Giulio Einaudi Editore, 1991.
VASARI, G. 1568. Vite de’ più eccellenti pittori, scultori e architettori italiani, scritte da M. Giorgio Vasari pittore et architetto aretino, Di Nuovo da Medesimo Riviste Et Ampliate Con i ritratti loro Et con l’aggiunta delle Vite de’ vivi, e de’ morti Dall’anno 1550 infino al 1567, In Fiorenza, Appresso i Giunti 1568. Roma: Newton Compton Editori, 2012.

VAN DE NOORT, R. 1994. Le Mura di S. Stefano, Anguillara Sabazia: in search of the Dark Ages, in AA. VV. Antichità tardoromane e medievali nel territorio di Bracciano. Viterbo, BetaGamma Editrice: pp. 227-241.

VECCHIARELLI, L. 1988. Manziana: la terra, la gente. Volume Primo. Roma: Gela Editrice.
VECCHIARELLI, L. 1989. Manziana: la terra, la gente. Volume secondo. Manziana: Vecchiarelli Editore.

VIRGILI, P. 1986. Aqua Traiana, in AA. VV. Il Trionfo dell’acqua: acque e acquedotti a Roma, IV sec. a.C.-XX sec. Mostra organizzata in occasione del 16° Congresso ed esposizione internazionale degli acquedotti, 31 ottobre 1986-15 gennaio 1987, Museo della civiltà romana. Roma, Paleani: pp. 113-115.

VIRGILI, P. 1994. L’archeologia del lago Sabatino, in AA. VV. Antichità tardoromane e medievali nel territorio di Bracciano. Viterbo, BetaGamma editrice: pp. 185-204.

VON FALKESTEIN WIRTH, V. 1998. Le Aquae Apollinares di Vicarello: due nuovi pavimenti in opus sectile, in Rendiconti della Pontificia Accademia Romana di Archeologia, LXX, pp. 281-297.

VON HAGEN, V. Il Mistero dell’Aqua Traiana, in Scienze 85: pp. 53-61.

WEBSTER, J. Il Diavolo Bianco, in Aa. Vv. Il Teatro Elisabettiano. Firenze, Sansoni: pp. 879-992.

…in costruzione

ultima modifica: 9 dicembre 2014